VAI AI CONTENUTI

Come possiamo aiutarvi - F.A.Q.

Cosa sono i Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA)?
I DCA sono una complessa patologia che si esprime attraverso il corpo e alla cui definizione partecipano aspetti emotivi-psicologici.
Rari fino intorno agli anni '80, hanno conosciuto più recentemente uno sviluppo preoccupante.

Colpiscono in prevalenza soggetti di sesso femminile giovani ma anche, se pur con minor frequenza, soggetti di sesso maschile.
Il quadro della patologia può risultare difficile da identificare per i non addetti ai lavori, fino a fasi avanzate di sofferenza.
Il corpo, investito dalla patologia, presenta modifiche del peso e segni di sofferenza fisica anche molto gravi.
La patologia è impegnativa e gravata da rilevanti tassi di cronicizzazione.
Chi e come si può diagnosticare un DCA?
La complessa modalità espressiva dei DCA comporta la necessità che la diagnosi sia posta da tecnici esperti.
Appare inoltre utile una diagnosi precoce ed una tempestiva presa in carico ed entrata in un adeguato programma di cura.
Si occupano del problema medici di diverse specialità, psicologi e i medici di medicina generale.

La diagnosi si basa su un colloquio clinico medico-psichiatrico e su accertamenti ematici e strumentali volti a verificare il grado di compromissione del soggetto e ad identificare il più idoneo programma di cura.
A chi ci si può rivolgere se si pensa di soffrire di un DCA?
Un primo livello di intervento è senza dubbio quello del medico di medicina generale, il quale conosce solitamente la famiglia e il soggetto portatore della patologia e può aiutarli a prendere atto del problema, definirlo nelle sue qualità diagnostiche ed espressive, e motivarli a un percorso di cura, oltre che indicare gli spazi e i referenti da attivare.
Come si cura un DCA?
Il quadro dei DCA è assai complesso, pertanto anche la cura si deve articolare su più piani e coinvolgere diversi specialisti e figure professionali.
Allo stato dei fatti, la storia clinica dei DCA e la letteratura internazionale coerentemente indicano nelle equipe multidisciplinari integrate il più adeguato strumento di cura.
Un'equipe multidisciplinare integrata è costituita da diversi specialisti medici, psicologi ma non solo, che collaborano contemporaneamente lavorando su diversi livelli di presa a carico coordinati verso un comune obiettivo. Esistono diverse fasi di malattia per ciascuna delle quali si deve approntare un diverso e adeguato programma di presa in carico.
I DCA possono essere considerate o diventare patologie invalidanti?
Si, anche molto gravi. La diagnosi tempestiva e l'entrata in un programma di cura adeguato riduce/elimina i rischi di invalidità definitive.
Come possono i genitori aiutare i figli nel momento in cui si accorgono del problema?
Rivolgendosi a esperti medici-psicologi per attivare al più presto una presa in carico che definisca il problema (diagnosi) e appronti un programma di intervento condiviso con familiari e paziente.
C'è un modo per poter "prevenire" l'insorgere del disturbo?
Tutte le patologie, in particolare quelle complesse e multifattoriali come i DCA (determinate da più fattori di rischio che collaborano per la nascita della patologia) si gioverebbero di interventi non solo di cura sui casi già in atto, ma anche di prevenzione primaria su soggetti a rischio.
VAI AL MENU'